Archivi del mese: novembre 2011

terra di mezzo – era Monti

Il quotidiano della terra industriale di Mordor – Sole24Ore – preannuncia che i tassi di interessi sui BTp, staccati con la vendita di ieri, sono INSOSTENIBILI nel medio periodo. Pur avendo il cuore sollevato da “medio periodo“, per uno zuccone come me, è “insostenibile” che suona male. Vuol dire che siamo falliti ?
Si, sostanzialmente si, ma appunto nel “medio periodo”.
Ah bè, allora …. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

(pr)imarie

A Parma, tra poco, assisteremo alle primarie per la scelta del nuovo candidato sindaco. Questo almeno sul fronte del centro-sx.

L’ennesima ed inutile kermesse di una politica che in qualche modo tenta un modo di riallacciarsi alla società. Come avete capito non la penso come il rottamatore renzi -anche ieri sera a colloquio con “old dirty man”- e pur rischiando di apparire un conservatore -nel mio caso forse è più appropriato vetero- tento anche di dare una piccola, personale e stringatissima spiegazione: la vera Democrazia non è mettere in discussione gli organismi dirigenti di un partito – chiamati anche ad indicare un (1) possibile candidato per un determinato ruolo – attraverso una consultazione della base “una tantum”; forse, in nome di quella “democrazia” tanto rivendicata attraverso le primarie, sarebbe meglio fare si che la base partecipasse non per un solo momento, ma molto più spesso, se non sempre, alla vita politica di quel partito, così da individuarne, oltre che i candidati, anche l’identità, gli scopi, i progetti, la linea, i dirigenti del partito stesso. Libertà è partecipazione. Roba vecchia, si dirà; è vero: la cantava Gaber secoli fa (forse basandosi addirittura su un articolo della Carta Costituzionale, pensa un po’) ma per favore non ditelo a renzi e veltroni.

Comunque Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

aggiornamenti economici

Oggi Monti – the professor – andrà ad incontrare la cancelliera Merkel, un attimino sulle spine visto il risultato disastroso della mancata vendita dei Bund, ed il noto sbevazzatore Sarkozy, alle prese con il prossimo declassamento francese da parte delle agenzie di rating.
Più che una riunione, appare una veglia funebre, comunque … Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

Genova, novembre 2011

Dopo 10 anni, di Genova, del G8, di Bolzaneto, della Diaz, di Carlo, ne sappiamo sempre meno.
Oggi, infatti, la  Corte di cassazione mette la parola fine al coinvolgimento di Gianni De Gennaro e Spartaco Mortola nelle vicende giudiziarie relative al G8 di Genova. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

neologismi

Convengo che una lingua per dirsi viva ha bisogno di continui neologismi.
Come, altrimenti, descrivere le modifiche della società, di nuovi “costumi”, di nuove tecnologie ?
Di questi tempi, però, credo vi sia un abuso di termini anglosassoni che lasciano il tempo che trovano.
Possibile che per definire la procedura di identificazione al computer sia necessario adottare “loggarsi” ?
oppure, ancor meglio, per descrivere lo scambio di due “chiacchiere digitali”, usare ”chattare” ?
che dire poi del termine “manager(oggi giorno tutto è considerato impresa e azienda !): non lo trovate un pochino insipido, troppo sterile ? 
 
Marchionne, manager …
Via, dai, “Pullover Marchionne” – che per decenza (certamente non sua) non lo possiamo chiamare ”negriero” – non trova una più accurata descrizione della sua indole antisindacale e fascista (che fassino e chiamparino ci possano perdonare nel dire la verità), nella peggior accezione dell’italianissimo padrone ?
Marchionne, padrone fascista, non è più preciso ?
Quindi, usiamo l’italiano; è completo e ne vale la pena. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in passaparola