Archivi del mese: aprile 2010

ora e sempre Resistenza

con particolare dedicata al Sindaco di Mogliano, Azzolini Giovanni
 
Questa mattina mi sono alzato
o bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
stamattina mi sono alzato
e ci ho trovato l’invasor.
 
O partigiano, portami via
o bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
o partigiano, portami via
che mi sento di morir.
 
E se muoio da partigiano
o bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
e se muoio da partigiano
tu mi devi seppellir.
 
Seppellire lassù in montagna
o bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
seppellire lassù in montagna
sotto l’ombra di un bel fior.
 
E le genti che passeranno
o bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
e le genti che passeranno
e diranno: "che bel fior"
 
E’ questo il fiore del partigiano
o bella ciao bella ciao
bella ciao ciao ciao
è questo il fiore del partigiano
morto per la libertà
 
Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Memoria

trova la differenza !

Dai Forza prova anche tu il nuovo giochino
Esamina il primo pensierino ….
 
La Lega: il 25 aprile niente ‘Bella ciao’
Polemiche a Mogliano, un paesino del Trevigiano, dove il neoeletto sindaco leghista vuole sostituire il canto tradizionale della liberazione con la canzone del Piave
Come scrive oggi la Tribuna di Treviso il neo sindaco leghista Giovanni Azzolini  vorrebbe ‘eliminare’ la tradizionale canzone partigiana “Bella ciao” dalla scaletta della banda che dovrà suonare durante la parata in ricordo della festa della liberazione.
“Meglio cantare la canzone del Piave”, ha detto il primo cittadino, scatenando le proteste della locale sezione dell’Associazione nazionale dei partigiani.
 
e confrontalo con il secondo ….
 
Alessandro Pavolini, segretario del Partito Fasista Repubblicano, comandante generale delle Brigate Nere, non che ministro della Cultura Popolare (MINCUPOP)  –  in una parola uno squadriste criminale – ebbe ad inventare le veline. Le Veline dovevano essere il regolatore delle coscienze degli italiani, stabilendo cosa si doveva sapere e cosa no.
Ottimi esempi trovati nella pubblicazione di Ricciotti Lazzero "Il Partito Nazionale Fascista" (Rizzoli, 1985):
 
28/6/35: vietato pubblicare le fotografie di Carnera a terra.
14/8/37: il Duce ha fatto un viaggio in Sicilia. Vietato pubblicare le foto che lo ritraggono mentre danza.
26/8/38: revisionare attentamente le foto di parate militari e premilitari: pubblicare solo quelle dalle quali risultano allineamenti impeccabili.
13/6/39: ignorare la Francia. Non scrivere nulla su questo paese. Criticare invece sempre e comunque l’Inghilterra. Non prendere per buona nulla che ci venga da quel paese.
13/7/39: vietato pubblicare foto di donne in costume da bagno.
 
Adesso confronta i risultati 
Non ci sono differenze = "Sei uno sporco comunista"
Una o più d’una differenze = "…"
 
Per chi non ha confuso le veline con Ilary Blasi e Elisabetta Canalis,
buon XXV Aprile !
Saluti

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

spam

Questo post è inutile, roba quasi da SPAM.
Lo so, anche gli altri non erano diversi, ma qua siamo quasi al ridicolo …
Lo inserisco perché è breve – o almeno lo è nelle intenzioni – e poi si tratta di una riflessione veloce, quasi indolore: parliamo di vulcani, "ganasse" e giustizia.
 
Come sapete il vulcano islandese Eyjafjallajökull, con la sua eruzione, ha di fatto bloccato il traffico aereo continentale: vacanzieri fermati negli aereoporti, jet set appiedato, la Merkel in treno dal Portogallo alla Germania, i marziani del Barça in pulman …
Ecco, fermiamoci qua.
 
Certo, più che marziani, ieri sera sembrava di vedere i "ragasuoli" del Borgorosso Football Club, ma non è questo il punto; voglio dire, mi interessa altro …
Per esempio il cardinale che doveva andare ad officiare la funzione religiosa in Polonia per la morte del presidente (che a nessuno è venuto in mente di dire che fosse un lazzarone, ma vabbè …) ha dato forfeit per via della nube, ma il  Barça, no … è cavolo, si è preso il suo bel pulman (mica la multipla dell’oratorio, quella di solito color marrone chiaro …) e dalla Cataloña si è portato in Brianza.
Che fossero contenti di questa trasferta, non credo. Che vi fossero ordini superiori ? Chissà …
 
Forse mi lascio trasportare dalle congetture, ma io credo sia andata più o meno così.
La UEFA, che notoriamente se ne "strabatte" di qualsiasi cosa che non sia "el dinero", quindi anche e/o soprattutto delle nubi vulcaniche, ha chiamato al Camp Nou e ha "caldamente invitato" ad attrezzarsi quanto prima per la trasferta: «volete andare in moto, in nave, a dorso di mula ? fatti vostri, ma muovete il culo. Il calcio è il vostro lavoro, alè, via !».
Quanto ci cala a noi di questo ? Obiettivamente poco.
 
Cambiamo argomento.
A Napoli è in corso un processo che vede imputati Moggi and Others, il cosiddetto processo a Calciopoli.
Non facciamoci abbindolare che trattandosi di "processo al mondo del calcio" è lavoro di bassa lega: è un processo penale, per inciso, per truffa. Tutto da dimostrare, certo, ma sarà mai per questo che servono dibattimento e testimonianze ?
Bene, nel mio paese, nel nostro paese, un cittadino convocato a questo processo, nello specifico Carlo "Ganassone" Ancelotti, si è detto impossibilitato a testimoniare per il persistere della nube vulcanica, che limita considerevolmente il suo viaggiare ed anche, evidentemente, la sua coscienza civica.
Intervistato dalla Gazzetta di Reggio Emilia ha risposto: «Mi a son l’alenador dal Celsi, miga col dal Barsa !»
Cosa dite di questo un uomo di calcio, che sarebbe stato costretto a spostarsi con "mezzi di fortuna" (***) per una partita, ma per un processo no ?
"Legittimo impedimento" ?
Quanto ci cala a noi di questo ? Fate voi …
 
E’ finita, qua.
Voglio aggiungere che mi è capitato di essere chiamato a testimoniare ad un processo e credo di aver letto nella convocazione che se non mi presentavo venivano i caramba per farmi un culo tanto. Che esista un comma che dica qualcosa su gli agenti atmosferici ? non so ….  magari lo chiedo a Platini.

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

marco 9,42

 
Lo spunto per queste due righe – bon, facciamo quattro – mi è venuto questa notte all’obbrobriosa visione dell’appuntamento politico-salottiero – nonchè – culturalpopolare di Porta a Porta. Non che debba tranquillizzare qualcuno su quanto guardo la notte, ma soffrendo di insonnia, mangio cracker e “zappo” la tv e così facendo mi ritrovo a curiosare nell’immenso immondezzaio che sono diventati i palinsesti televisivi. Comunque, tema della puntata: Angeli e Demoni

Trascurabile, mi dico, quindi continuo nel mangiare i cracker e parto con lo zapping dei canali. Fatto il giro, ritorno sul compunto conduttore che “cuce addosso i programmi ai suoi ospiti” il quale si prodiga a mostrare i consueti sondaggi curati dal signor Mannhaimer: questa volta al posto di domandare ai “sondaggiati” se è meglio indossare le calze o i collant, o piuttosto se è più apprezzata la maglia della salute o la canottiera alla Bossi, il nostro, pone quesiti da togliere i fiato:
«Lei egregio cittadino, crede all’esistenza di Dio? del Demonio ? e agli Angeli Custodi, ci crede ?»

A questo punto, per quanto Eretico praticante, ho smesso di mangiare, ho acceso la sigaretta e mi son messo duro ad ascoltare: «non si sa mai che Mannhaimer va avanti nel sondaggio e mi snocciola anche una classifica degli Esseri supremi a cui più tiene il popolo “itaglianico”; così tanto da guardare come si piazza Manitù …»
Macchè … di classifiche neanche l’ombra, in compenso una discussione (aleatoria) sulle percentuali bulgare rivelatrici – evidentemente – dell’esistenza di Dio, quasi il Gran Capo – Dio, non vespa, sia chiaro… – abbia bisogno di trovare giustificazione nei numeri.

Ma in fondo è giusto così, che classifiche e classifiche !
Anche perchè – secondo il teologo Vito Mancuso, con grande ragione – tutte le religioni hanno al loro nocciolo un unico grande messaggio: non fare ad altri quello che non vuoi sia fatto a te. Che a pensarci bene è anche un’ottima regola laica: in questa piccola frase, infatti, ci troviamo Amore, Pace, Libertà, Uguaglianza.

 

Ma sarà poco bella?
Tre parole e zac … ti metti bolla e fili dritto per una vita. Altro che mangiar di magro il venerdì, la fatwa, la mucca sacra, Budda e Shiva ….
Se poi – a tempo e ora – ti ritrovi nel Walallah al posto del Paridiso (pensate alla faccia di Vespa al cospetto di OOOOODINO!!!!!!!!) pazienza, ma pensa che po’ po’ di vita che ti sei fatto: una goduria ! per te e per gli ALTRI ! ! !

Certo, nel corso della vita, un qualche stronzo che non si adegua alla Regola, lo si deve pur incontrare. Per esempio 15 giorni fa, mi è capitato di “incontrare” tale Milena Cecchetto, sindaco/a stronzissimo/a di Montecchio Maggiore (VI), che, bontà sua, ha pensato bene di mettere a pane e acqua 9 bambini della locale scuola primaria, perché i genitori erano morosi con la retta della mensa. Ebbene, forse perché noi siamo i soliti itaglianichi, dobbiamo aver pensato che una rondine – pardon, una delinquente – non fa primavera, per cui mica abbiamo detto qualcosa, eh no figuriamoci … 
Abbiamo atteso pazientemente – di ieri la notizia – che un altro sindaco, pardon delinquente, in un’altra località, si proclamasse Gran Maestro Educatore e quindi impedisse addirittura l’ingresso in mensa per i bambini figli di “morosi”.

E’ qualcosa di atroce, qualcosa che ti fa accapponare la pelle solo a pensarlo. Umiliare un bimbo, pretendere di rivalersi su di esso, per una colpa che non ha neppure commesso – posto che i bambini non possono avere colpa – è qualcosa che sa terribilmente di nazismo. Aggiungo che il vile silenzio, che nel nostro paese accompagna da troppo tempo queste notizie, ricorda quello degli anni ’30 alla costruzione dei primi campi di concentramento in Germania.

La maggioranza di noi (compresi partiti politici, movimenti, chiese di varie sorte) sembra quasi subire l’affermazione di questa società sempre più ingiusta, fondata sull’egoismo e sull’esclusione, quasi che il protestare, l’alzare la testa, sia sconveniente e troppo popolano; tanto poi, comunque, ci penserà la giustizia divina
(Dio esiste all’87%, lo dice Porta a Porta !)

Ma vaffanculo …
Io la penso come quel “pretaccio” di Don Gallo – Giustizia ora, subito, “Così in terra, come in cielo” – senza aspettare che la Milena incontri San Pietro (gli auguro il più tardi possibile); anzi, dovessi fare la sua conoscenza di persona, una bella fila di calci in culo non gliela leva nessuno.
Lo so, non è la Regola, ma sono eretico, lo sapete.
 

Oppure … potremmo fare anche questa: potremmo mandare a dire Giorgione che ha fatto “bene” a firmare il “legittimo impedimento” (anche questa, mi tocca mandare giù anche questa, ma porco il mondo !), non tanto per Banana, quanto per quei delinquenti che affamano un bambino in nome del bilancio comunale.
Legittimo impedimento a definirsi uomini, quindi soppressione dei diritti civili fino a comprovato ravvedimento.


Sopresi per la possibilità del ravvedimento ?
E’ vero, in un primo momento prevedevo solo i calci in culo, che restano, ma poi …
Andiamo, la possibilità della redenzione la dovevo mettere, c’è sempre !
E poi me l’ha suggerita questa notte Gabriele, l’Arcangelo.
Ieri sera, da vespa, lo davano all’83% …

State bene, G.

Lascia un commento

Archiviato in passaparola