Archivi tag: Partito Democratico

ancora ?

Sarà che in questo periodo ne ho pieni i coglioni di tutto, sarà che la preoccupazione di trovare lavoro (!!!) mi debilita fisicamente e mi toglie la necessaria lucidità per commentare anche notizie di poco valore (tipo lo scambio Borriello – Gilardino non si fa. Oibò !) ma questa che segue, concedetemela, mi ‘sassina talmente i maroni che uno sfogo lo devo pur avere !
Allora, congresso del Partito Democratico …

“La commissione Congresso del Pd che ha stabilito che spetta alla Direzione fissare la data delle primarie. […] La commissione non ha ancora affrontato (lo farà nella prossima riunione) l’altra questione al centro del dibattito (e delle conseguenti polemiche) che vedono al centro Renzi: la distinzione tra segretario e candidato premier. «Il prossimo giovedì affronteremo – spiega Epifani – questa delicata questione e anche la natura degli organismi del partito perchè MANCA (!!!) un organismo intermedio rappresentativo tra la segreteria e la direzione di 200 componenti». C’è poi da definire la natura delle primarie le primarie che eleggeranno il nuovo segretario del Pd: riservate agli iscritti o “aperte”? «Ne parleremo ma per quel che mi riguarda sono favorevole a primarie aperte» precisa Epifani confermando una posizione già più volete espressa.”
Sole24Ore 8/7/13

Siamo ancora alle regole delle primarie oppure, “a piacer vostro”, alle primarie con le regole …
(e io penso I due euro, i seggi, le quote, lo scrutatore, l’albo dei fondatori …)

ANCORA ??
E’ dalla sua fondazione che questo partito sta ancora qui a parlare di regole. Eh lasciatemelo dire: che palle !
Provengo da una storia, come molti del PD, dove non solo nelle assisi congressuali, ma addirittura nei direttivi delle sezioni si parlava di LAVORO, DI POLITICA ESTERA (compresi USA-URSS, CUBA, VIET-NAM, PALESTINA …), DELLA CONDIZIONE DELLA DONNA e chi più ne ha più ne metta. Forse esageravamo pure !

Era il PCI.
Ora PCI non c’è più d’accordo, ma ricordarlo ogni tanto credo possa far riflettere.

Certo a ricordarlo, si corre il rischio di essere considerati dei passatisti, mezzo mitomani e pure bastian contrari.
Ma a quei tempi, almeno a parer mio, si faceva POLITICA.
Mica le primarie …

¡ hasta luego ! G.

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

enemy

Con affetto
a mio Padre a Pia a Haidi
diversamente ed ugualmente…
comunisti

a tutti gli altri…
per cui adesso
sono divenuto  nemico

Avrei voluto scrivere, tempo fa, tonnellate di parole circa la sconfortante rottura di palle del  il voto utile, su chi fa vincere gli “altri”, su presunte “primogeniture” della Ragione, ma ho taciuto.
Ho sopportato i Bersani – per cui ho votato alle primarie convintamente per ben due volte – i Letta, i Franceschini; ho sopportato la logorroica prosopopea (e che palle !) del buon Nicola;  ho sopportato.  Anche Nencini (lui si, noi no …)

Ho taciuto e sopportato perchè ho lottato e lottato in partito, nel mio partito, per trovare la quadra e riuscire in un accordo con il famigerato “centro-sinistra” (cosa per altro CONDIVISA dalla maggioranza di noi, divenuta “linea politica” … ).

Ho taciuto e sopportato Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

la crisi ed io

Circa quattro anni “scoppiava” la crisi.

L’ho virgolettato perchè in itaglia, pochi, tra cui Grillo, dicevano: «guardate che il bordello che sta cominciando negli Stati Uniti, presto o tardi arriverà anche da noi e saranno dolori», mentre altri, molti altri, tra cui “old dirty man” rispondevano: «la crisi non esiste e se esiste in Italia non arriverà»
Resta da domandarsi chi fosse il comico. Fate voi, non mi appassiona …

Ora la crisi non solo è arrivata, ma è deflagrata come una bomba.

Forse per Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

il dottor djembe e il canadà

1. A me Riondino piace.
E’ un affabulatore che oltre modo suona bene, recita bene e quando è in forma, non di rado, strappa sempre un sorriso.
A volte, quando scrive, mi perdo. Immagino per colpa mia, ma se tra un punto e l’altro troviamo centoventisette righe a corpo 8, bhè, forse sono scusato.
Prendiamo ad esempio lo scritto che da alcuni giorni compare sul suo sito per tentare di puntualizzare un pochino la situazione circa la clamorosa “sòla”  da 450mila euro che i “brokers dei Parioli” gli hanno rifilato.
Il saggio, perchè di questo si tratta, riguarda Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

patto de féro (la stampella turca)

L’On. Nicola Consentito andrà a processo da uomo libero.
Così ha disposto la maggioranza dei Deputati chiamati al voto, anche se la commissione per le autorizzazioni a procedere, deputata a derimere la la presenza o meno di “fumus persecutionis” politico (“unica” condizione di possibile diversità tra un deputato ed un normale cittadino in caso di richiesta di arresto preventivo), aveva deciso per l’arresto.

Già, la commissione.
Evidentemente la commissione non risponde appieno alle “sensibilità” di tutti i deputati (ciò è possibile), ma io sono convinto che avere a che fare con persone di proverbiale coerenza che, prima, indossando il bi-corno in testa votano in un modo, poi alla Camera fanno dichiarazioni di voto di tutt’altro avviso e fanno volare gli stracci in sede di gruppo (trattandosi del gruppo della lega, viene da domandarsi se hanno fatto a cornate) sia una di una complessità tale che il cittadino non può che evitare ogni tipo di interpretazione logica.

Per la verità, sul piano della coerenza, Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in passaparola