Archivi del mese: aprile 2009

Sympathy For The Devil

"Mi scusino se nella foga del discorso mi sono dimenticato di presentarmi.
Ecco il mio biglietto da visita, il passaporto, e l’invito a venire a Mosca per una consulenza"
disse gravemente lo sconosciuto fissando i due letterati con lo sguardo pungente.
(Il Maestro e Margherita – Mikhail Bulgakov)
 
Please allow me to introduce myself
I’m a man of wealth and taste
I’ve been around for a long, long year
Stole many a man’s soul and faith
And I was ‘round when Jesus Christ
Had his moment of doubt and pain
Made damn sure that Pilate
Washed his hands and sealed his fate
 
Pleased to meet you
Hope you guess my name
But what’s puzzling you
Is the nature of my game
 
I stuck around St. Petersburg
When I saw it was a time for a change
Killed the czar and his ministers
Anastasia screamed in vain
I rode a tank
Held a general’s rank
When the blitzkrieg raged
And the bodies stank
 
Pleased to meet you
Hope you guess my name, oh yeah
Ah, what’s puzzling you
Is the nature of my game, oh yeah
 
I watched with glee
While your kings and queens
Fought for ten decades
For the gods they made
I shouted out,
"Who killed the Kennedys?"
When after all it was you and me
 
Let me please introduce myself
I’m a man of wealth and taste
And I laid traps for troubadours
Who get killed before they reached Bombay
 
Pleased to meet you
Hope you guessed my name, oh yeah
But what’s puzzling you
Is the nature of my game, oh yeah, get down, baby
Pleased to meet you
Hope you guessed my name, oh yeah
But what’s confusing you
Is just the nature of my game
 
Just as every cop is a criminal
And all the sinners saints
As heads is tails
Just call me Lucifer
‘Cause I’m in need of some restraint
So if you meet me have some courtesy
Have some sympathy, and some taste
Use all your well-learned politesse
Or I’ll lay your soul to waste, um yeah
 
Pleased to meet you
Hope you guessed my name, um yeah
But what’s puzzling you
Is the nature of my game, um mean it, get down
Ooo, who
Oh yeah
Tell me baby, what’s my name
Ooo, who…
Tell me baby, what’s my name…
 
Sympathy For The Devil
Rolling Stones 
  1968

COMPRENSIONE PER IL DIAVOLO
 
Vi prego concedetemi di presentarmi
Io sono un uomo ricco e raffinato.
Sono stato in giro per tanti e tanti anni
Ho rubato anima e fede di molti uomini.
Ero presente quando Gesù Cristo
Ebbe il suo momento di dubbio e sofferenza
Ho voluto essere del tutto sicuro che Pilato
Si lavasse le mani e segnasse il suo destino
 
Piacere di incontrarvi
Spero che indovinerete il mio nome
Ma ciò che vi imbarazza
È la natura del mio gioco
 
Giravo dalle parti di San Pietroburgo
Quando vidi che era tempo di un cambiamento
Ho ucciso lo zar e i suoi ministri
Anastasia ha gridato invano
Ho guidato un carrarmato
Ho avuto il grado di generale
Quando la guerra lampo divampò
E i cadaveri puzzavano
 
Piacere di incontrarvi
Spero che indovinerete il mio nome
Ah, ciò che vi imbarazza
È la natura del mio gioco, oh sì
 
Guardai con gioia
Quando i vostri re e regine
Si combatterono per dieci decadi
Per gli dei da loro inventati
Urlai forte
"Chi ha ucciso i Kennedy?"
Quando in realtà siamo stati voi ed io
 
Quindi vi prego lasciate che mi presenti
Io sono un uomo ricco e raffinato.
E metto trappole per trovatori
Che vengono uccisi prima di giungere a Bombay.
 
Piacere di incontrarvi
Spero che indovinerete il mio nome, oh sì
Ma ciò che vi imbarazza
È la natura del mio gioco, oh sì, accettalo, baby
Piacere di incontrarvi
Spero che indovinerete il mio nome, oh sì
Ma ciò che vi imbarazza
È la natura del mio gioco
 
Proprio come ogni poliziotto è un criminale
e tutti i peccatori sono santi
Così avete indovinato
Se mi chiamate solo Lucifero
Perché ho bisogno di un po’ di controllo
Quindi se mi incontrate abbiate un po’ di cortesia
abbiate un po’ di comprensione e di gusto
usate tutte le vostre ben studiate buone maniere
o manderò la vostra anima in rovina, um sì
 
Piacere di incontrarvi
Spero che indovinerete il mio nome, oh sì
Ma ciò che vi imbarazza
È la natura del mio gioco, um capitelo, accettatelo
Ooo, chi
Oh sì
Dimmi baby, qual è il mio nome
Oh, chi…
Dimmi baby, qual è il mio nome…
 
 

Lascia un commento

Archiviato in Musica

Al mio paese

Al mio paese,
quando il sole picchia sulle case,
tutta la gente chiude gli occhi
e chiude le persiane.
 
Quando è l’ora della siesta
è festa per me,
invece di dormire io vado a passeggiare
da solo col mio amore
.
 
Al mio paese,
quando il sole picchia sulle case,
noi ci baciamo in piazza
come fosse mezzanotte.
 
L’aria bianca trema e brucia,
ma se mi parla lei
mi sento rinfrescare, mi sembra di volare,
di stare in riva al mare.
 
Mi regala ciliege e lillà
rubati ai cancelli,
e mi poggia corone di baci
intorno ai capelli.
 
Come un re e una regina
noi traversiamo la città,
però
la gente non lo sa.
 
Al mio paese,
quando il sole picchia sulle case,
tutta la gente chiude gli occhi
e chiude le persiane.
 
Quando è l’ora della siesta
è festa per me,
invece di dormire io vado a passeggiare
da solo col mio amore.
 
Mi regala ciliege e lillà
rubati ai cancelli,
e mi poggia corone di baci
intorno ai capelli.
 
Come un re e una regina
noi traversiamo la città,
però
la gente non lo sa.
 
Al mio paese
la gente non lo sa.
 
Pagani-Anelli 1968
Gasparazzo

Lascia un commento

Archiviato in Musica

tre passi avanti

Tre passi avanti…
uno indietro per umiltà
ognuno ha i suoi santi
le sue bandiere di libertà
 
Io seguo Che Guevara
mi fido dell’aria e del colore
 
Tre passi avanti
uno indietro che male non fa.
 
Amo la piazza
amo la sua densità di ogni razza,
di cultura, di società.
 
Mi piace mescolanza,
fratellanza in quantità,
il lato nascosto dell’America
 
Io seguo Che Guevara
 
Tre passi avanti
uno indietro per umiltà
le mani sui fianchi
in processione con l’umanità
al passo di danza
oltre i limiti della realtà
gridando "terra!" ad ogni gesto di carità.
 
Odio la guerra senza anestesia,
un’operazione di democratica ipocrisia
ognuno ha la sua definizione di libertà:
il lato violento dell’America
 
Io seguo Che Guevara
Libero nell’aria 
bandabardò 

Lascia un commento

Archiviato in Musica