Archivi del mese: gennaio 2012

taxi ! taxi !

Circa nove anni, insieme ad altra gente, altra bella gente, fa mi trovavo a passare le serate in stazione.
Ero li perché non mi andava che il mio paese fornisse infrastrutture e logistica ad una altro che intendeva fare una guerra.
Una guerra sbagliata, come tutte.

Circa nove anni fa, per la precisione il 15 Febbraio, mi trovavo a manifestare a Roma
Eravamo in tre milioni. Sempre con la stessa bella gente, davamo vita alla più grande manifestazione della storia repubblicana.
Eravamo insieme per dire NO alla guerra.
Una guerra sbagliata, come tutte.

Nonostante l’impegno, nonostante la straordinaria mobilitazione, nonostante il grande tema da difendere (la Pace), fummo allegramente ignorati e non si riuscì ad evitare una GUERRA che continua tuttora.

Eravamo tre milioni per dire SI alla Pace,
mica i mille “tassinari de Roma” a difendere un interesse economico

Sarà questione di appeal …

¡ hasta luego ! G.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

18 gennaio 2010 – Marco Travaglio

così ..
da rileggerlo ogni tanto, per conservarne meroria.
G.

Buongiorno a tutti, siamo nel pieno delle celebrazioni di Bettino Craxi, mi sono un po’ stufato di ricordare le tangenti che prendeva, anche perché l’abbiamo già fatto in queste ultime settimane e poi ci viene autorevolmente raccomandato e stiamo aspettando tutti con ansia il messaggio del Capo dello Stato, per celebrare degnamente il decennale del latitante, che bisogna andare oltre le vicende giudiziarie e che bisogna dare un giudizio politico, perché naturalmente un uomo politico non può essere ridotto soltanto alle condanne e ai processi.

La scalata al Partito Socialista
E’ vero, Craxi non ha avuto soltanto condanne e processi, Craxi è stato anche altro: Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

intellighenzia

Sarò telegrafico anche perchè lascio il “delirio” – e la sua lettura – all’immagine allegata.
L’immagine tratta di due articoli de “Il Foglio” – quotidiano diretto dall’ex operativo CIA, Elephant Man – nei quali, tra digressioni di costume, circa la vita in crociera (in dolce sitl novo, of course) e dotte citazioni di Lord Jim di J.Conrad, si tratta del disastro del Concordia.

Il primo è proprio di Elephant Man, mentre il secondo è del suo sottoposto di plancia, C.Panella, e sono datati 16/17 gennaio. Prego, all’eventuale lettore, di notare che non sono quindi nell’immediatezza del disastro, bensì nei giorni successivi, con un quadro degli accadimenti abbastanza chiaro; un numero di morti e dispersi già drammatico; con un fermo della magistratura in corso e con la pubblicazione di stralci di verbali e telefonate.

Quello che mi ha colpito in questi due articoli è il sostenere di una strisciante linea attenuante, nei confronti del comandante del transatlantico e non ne trovo spiegazione.

Elephant Man, per esempio, afferma Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

patto de féro (la stampella turca)

L’On. Nicola Consentito andrà a processo da uomo libero.
Così ha disposto la maggioranza dei Deputati chiamati al voto, anche se la commissione per le autorizzazioni a procedere, deputata a derimere la la presenza o meno di “fumus persecutionis” politico (“unica” condizione di possibile diversità tra un deputato ed un normale cittadino in caso di richiesta di arresto preventivo), aveva deciso per l’arresto.

Già, la commissione.
Evidentemente la commissione non risponde appieno alle “sensibilità” di tutti i deputati (ciò è possibile), ma io sono convinto che avere a che fare con persone di proverbiale coerenza che, prima, indossando il bi-corno in testa votano in un modo, poi alla Camera fanno dichiarazioni di voto di tutt’altro avviso e fanno volare gli stracci in sede di gruppo (trattandosi del gruppo della lega, viene da domandarsi se hanno fatto a cornate) sia una di una complessità tale che il cittadino non può che evitare ogni tipo di interpretazione logica.

Per la verità, sul piano della coerenza, Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in passaparola

patto de féro (updating)

basta una riunione col “capo” e … oplà

¡ hasta luego ! G.

Lascia un commento

Archiviato in passaparola